Tag

, , , , , , , , , , , ,

Di nuovo ansia e preoccupazione in questa settimana…sembrava che tutto dovesse andare meglio, ma invece B. ha continuato a stare male, stavolta non capivo perché. Tornati a casa ha cominciato a riempirsi di secrezioni; normalmente B. ha una ipersalivazione da effetto collaterale di un farmaco che assume in terapia (nitrazepam). È bravissima a liberarsene da sola con una tosse molto efficace, ma stavolta non riusciva, c’era qualcosa che la bloccava nel tossire. Di conseguenza desaturava di continuo… È successo e sta succedendo ancora che all’improvviso cominci a desaturare…non è in crisi in quel momento, le hanno anche fatto un elettroencefalogramma per provarlo, si tratterebbe quindi secondo il parere medico di apnea di origine centrale, non epilettica. B. stava peggiorando?

Questa è la loro ipotesi, la mia versione invece è un’altra. Ci ho riflettuto tanto in questi giorni e sono arrivata a questa conclusione. Per capire meglio però parto dall’inizio, da quando tutto è cominciato!

Durante l’intervento di lunedì 6 giugno, su consiglio dell’otorino, è stato fatto il botulino alle ghiandole sottomandibolari per aiutarla a produrre meno saliva. A mio parere da un lato è stato positivo farglielo perché la aiuta a non avere più tante secrezioni (così dicono, ma non ho ancora visto questo effetto), dall’altro invece non ha fatto altro che addensare quelle che lei cmq produce, infatti quando le aspiro sono densissime e collose. Questo mi fa pensare che sia difficile espellerle, ed è per questo che la mia piccola non riesce più a tossire in modo efficace…ecco, questo è cambiato in questi giorni: B. non riesce più a tossire! Ovviamente non riuscendo più a gestire queste brutte secrezioni, un po’ le avrà anche inalate e si saranno infettate (polmonite ab ingestis) ed è per questo che allora mercoledì è andata in insufficienza respiratoria ed ha avuto febbre! Questa è la mia versione di cosa sta succedendo!

Adesso siamo tornate a casa, con il presupposto di tornare in ospedale per fare un esame che valuta se B. soffre di apnee notturne e soprattutto se si tratta di apnee centrali (polisonnografia). Intanto per aiutarla le faccio le “battiture”, una ginnastica respiratoria che mi hanno insegnato a Padova che serve a smuovere le secrezioni dalle vie aeree, e tanti aerosol per renderle più fluide. La mia piccola sta meglio e piano piano comincerà sicuramente ad abituarsi a questa nuova consistenza della sua saliva, ce la farà anche stavolta!

…. appena rientrate a casa ci ha accolto un altro cuore!

img_20160612_083649.jpg